23 | 11 | 2014
Il MIUR comunica le date delle prove di esame 2015...

Con l' ordinanza n. 43 . prot. n. 608 del 6 agosto 2014, il MIUR  [ ... ]

Concorsi pubblici, cambia tutto Conterà meno il voto di laurea

La fase due per il governo Monti comprende il capitolo semplificazioni e quello sul valore legale dei titoli di studio. L'idea che potrebbe diventare decreto nel prossimo consiglio dei ministri di venerdì è quella di cambiare le regole di accesso ai concorsi pubblici. Non sarebbe più vincolante la laurea in una determinata materia ma potrebbero risultare alternative più lauree o, addirittura, esperienze, accunulate nel settore.

 

E' un primo passo verso l'abolizione del valore legale della laurea. Il voto della laurea, inoltre, dovrebbe perdere valore come base di punteggio per i concorsi pubblici. Si pensa anche di dare ai voti il "giusto valore". Cioè distinguere tra un trenta preso in un Ateneo molto severo da uno conseguito in un'Università larga di manica.

 

Ma come si fa a stabilire il peso specifico? Il governo punterebbe a potenziare l'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca. Insomma si punta a valutare il merito sganciandolo dalla burocrazia dei punteggia considerati solo sulla base della votazione.

Condividi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Psicologia a Scuola
In Evidenza
Condizioni